Dopo aver inserito i valori di Resistenza e Reattanza forniti dalla strumentazione (indicata nell’apposito campo), cliccando il tasto Calcola Composizione Corporea verranno visualizzati i valori per la valutazione della composizione corporea.
In alternativa è possibile digitare manualmente i valori cliccando sull’apposito pulsante.

RESISTENZA (Rz)

La Resistenza (Rz) rappresenta la capacità di tutte le strutture biologiche di opporsi al passaggio della corrente elettrica. L’acqua e la massa magra (quindi i tessuti privi di grasso) sono buoni conduttori, ideali per il passaggio della corrente, quindi con bassi valori di resistenza. I tessuti adiposi sono cattivi conduttori e quindi con alti valori di resistenza.

Rz o R 
Alti valori di resistenzasoggetto con elevata massa grassa e ridotta acqua totale
Bassi valori di resistenzasoggetto con elevata massa magra e buon contenuto di acqua totale

 

REATTANZA (Xc)

La Reattanza (Xc), conosciuta anche come resistenza capacitiva, rappresenta è la forza che si oppone al passaggio di una corrente elettrica. È una misura indiretta delle membrane cellulari integre ed è rappresentativa della massa cellulare (densità delle cellule nei tessuti).

Alti valori di reattanza = soggetto con elevate quantità di acqua intracellulare

Bassi valori di reattanza = soggetto con elevate quantità di acqua extracellulare

Xc 
Alti valori di reattanzasoggetto con elevate quantità di acqua intracellulare
Bassi valori di reattanzasoggetto con elevate quantità di acqua extracellulare

 

ANGOLO DI FASE

L’Angolo di fase (Phase Angle) può essere considerato un ottimo indicatore dello stato fisico e dell’integrità cellulare. Esso esprime il rapporto tra i volumi intra-extracellulari.

Ha un forte valore prognostico per monitorare la presenza e l’evoluzione dei processi infiammatori cronici.

 

dove Xc è la reattanza (in Ω) e R la resistenza (in Ω)

Angolo di fase 
$5,5 – 6,5°stato di normalità in soggetti poco muscolosi
6 – 7,5°stato di normalità in soggetti con buon trofismo muscolare
< 3°presenza di patologie legate a grave catabolismo (controllare presenza di elevata ECW)
3 - 4°presenza di catabolismo e/o edema
4,5 – 5°medio stadio catabolico e/o ritenzione idrica
> 7,5°soggetti mediamente muscolari, tendenti alla disidratazione oppure soggetti particolarmente robusti

 

VALUTAZIONE COMPOSIZIONE CORPOREA

 

MASSA CELLULARE CORPOREA (BCM)

La massa cellulare corporea (BCM o Body Cell Mass) è la parte metabolicamente attiva della massa magra e rappresenta l’insieme di tutti i tessuti ricchi di potassio (circa il 97% del potassio totale) che consumano ossigeno e ossidano glucosio (organi, muscoli, cellule del sangue). È un valore fondamentale che occorre monitorare nel tempo, e che permette di capire se il soggetto è malnutrito ed in overtraining (sovra allenamento).

 

INDICE DI MASSA CELLULARE CORPOREA (BCMI)

L’indice di massa cellulare corporea (BCMI o Body Cell Mass Index) è un valore simile al BMI (Body Mass Index) in quanto nella formula non utilizza il peso corporeo ma il peso della massa cellulare.

 

dove BCM è la massa cellulare, h è l’altezza del soggetto (in metri)

BCMIValori ottimaliValori limiteValori di malnutrizione
Donne> 7 7< 6
Uomini> 10 8< 7

 

MASSA EXTRACELLULARE (ECM)

La massa extracellulare (ECM o Extra Cellular Mass) è l’insieme di molecole secrete dalle cellule che forniscono il supporto strutturale e biochimico. Essa comprende la matrice interstiziale e le membrane basali.

 

dove P è il peso totale del soggetto (in kg) e BCM la massa cellulare corporea (in kg)

 

RAPPORTO ECM/BCM

Rappresenta la qualità della massa magra. Il valore è di aiuto per identificare alterazioni della nutrizione (soprattutto nei dimagrimenti, nella malnutrizione proteico energetica e negli sportivi sottoposti a intenso periodo di allenamento) oltre che lo stato nutrizionale e/o idratazione, con ottima sensibilità, ma non elevata specificità.

 

dove i valori di ECM, FFM e BCM sono espressi in kg

ECM / BCM 
0,9 – 1Valori normali
< 0,9Soggetti muscolosi (>BCM) con perdita di fluidi extracellulari (<ECM)
> 1Soggetti in catabolismo con presenza di ritenzione idrica o edema

 

BIA FIT INDEX

Elaborato da Akern, esprime lo stato di norma biolelettrica dei tessuti considerando che l’angolo di fase è ritenuto uno dei migliori indici di vitalità e buona qualità dei tessuti.

 

dove Xc è la reattanza (espressa in Ω), PA è l’angolo di fase

BIA FIT INDEX 
100Valore ottimale

 

IFF (Indice Forma Fisica)

 

dove Xc è la reattanza (espressa in Ω), PA è l’angolo di fase

IFF 
maggiore di 70Valore ottimale

 

MASSA MAGRA (FFM)

La massa magra (Free Fat Mass) indica la massa priva di grasso.

 

dove BCM è la massa cellulare corporea ed ECM la massa extracellulare

FFMValori ottimali per m di altezza dei soggetti
Donne25 – 30 kg
Uomini30 – 34 kg

In situazioni normali la massa extracelluare deve avere un volume leggermente inferiore alla massa cellulare (BCM), compreso tra 0,9 e 1.

Nota: Nei soggetti normoidratati la massa magra contiene circa il 73% dell’acqua presente nell’organismo. In condizioni d’idratazione anormale gli algoritmi possono produrre gravi distorsioni nelle stime dei compartimenti. È quindi fondamentale controllare lo stato d’idratazione del soggetto prima dell’analisi.

MASSA GRASSA (FM)

La massa grassa (Fat Mass) esprime il peso del tessuto adiposo. Il valore risulta corretto se è presente una normoidratazione della massa magra (TBW / FFM = 0,732)

 

dove FFM è la massa magra (espresso in kg) e P è il peso totale del soggetto (espresso in kg)

FMValori ottimali per m di altezza dei soggetti
Donne7 – 14 kg
Uomini3 – 9 kg

 

COMPARTIMENTI IDRICI

 

ACQUA INTRACELLULARE (ICW)

L’acqua intracellulare (IntraCellular Water) esprime il valore in percentuale dell’idratazione cellulare. Il liquido intracellulare differisce fortemente da quello extracellulare perché contiene elevate quantità di potassio e minime quantità di sodio.

 

dove TBW è l’acqua corporea totale e ECW è l’acqua extracellulare

Negli sportivi, l’incremento dell’ICW indica un miglioramento della sintesi proteica. L’idratazione cellulare sembra infatti regolare i processi di sintesi proteica e la proteolisi.

 

ACQUA EXTRACELLULARE (ECW)

L’acqua extracellulare (ExtraCellular Water) esprime la frazione in percentuale di acqua corporea posta esternamente alle cellule. Il liquido extracellulare contiene elevate quantità di sodio e cospicue quantità di cloro.

 

dove TBW è l’acqua corporea totale e ICW è l’acqua intracellulare

% di ECW in riferimento alla TBW

Donne% di ECW in riferimento alla TBWUomini% di ECW in riferimento alla TBW
< 30 anni43 - 47 %< 30 anni43 – 45 %
< 50 anni48 - 50 %< 50 anni46 - 49 %
> 50 anni52 - 55 %> 50 anni50 - 52 %

 

ACQUA CORPOREA TOTALE (TBW)

L’acqua corporea totale (TBW o Total Body Water) rappresenta la percentuale complessiva dei fluidi corporei rispetto al peso totale del soggetto.

 

dove ECW è l’acqua extracellulare e ICW è l’acqua intracellulare

TBWValori fisiologici
Donne55 - 65%
Uomini60 – 70 %
Bambini (fino a 10 anni)60 – 75 %

Valori inferiori: condizioni di disidratazione, oppure perdita di massa magra o all’aumento della massa grassa (essendo la gran parte della TBW contenuta nella massa magra) oppure alla presenza di processi infiammatori cronici (che comportano il cambiamento della distribuzione idrica)